SI COMINCIA: LE AVVERSARIE DELLA JUVENTUS

Con Verona-Roma alle ore 18, inizia la caccia al trono della Juventus. Vediamo in breve le avversarie.

ROMA: pericolo pubblico numero uno, ha rinforzato l’attacco con Salah e Dzeko, infinitamente migliori dei loro predecessori. I nei, come sempre, sono due: la difesa, con Castan che ritorna dopo un anno di infortunio, Cole fuori rosa, Maicon ormai in calo vertiginoso e il problema di quale ruolo dare a un Totti che difficilmente accetterà la panchina. A centrocampo ancora out Strootman e Iturbe flop dell’anno chiamato alla cessione o al riscatto. Grande problema il clima di entusiasmo che si respira, come ogni agosto, nella Capitale: al primo scricchiolìo potrebbe crollare tutto il castello di carte, come da tradizione.

MILAN: decisamente rinforzato anche perchè fare peggio dell’anno scorso era praticamente impossibile. Attacco di esperienza e livello con Bacca e Luiz Adriano, grossissime perplessità sul centrocampo ove Bertolacci e il probabile Soriano appaiono un po’ pochino per alzare l’asticella. Difesa scarsa e decrepita con le incognite Ely e Romagnoli gravati, fin da subito, di enormi responsabilità nonostante siano appena arrivati e siano entrambi molto giovani.

INTER: punto interrogativo. Rosa rivoluzionata, schemi che non si vedono, giocatori da sperimentare o che devono fugare enormi dubbi sulle loro condizioni fisiche. Ci si aggrappa ad Icardi e a cosa potrebbero fare Kongodbia e Jovetic ma ci sembra un po’ poco per grandi ambizioni e volontà di riscatto.

NAPOLI: altro punto interrogativo a partire da Sarri, nuovo a certi livelli. Allan e Valdifiori sono ottimi innesti a centrocampo ma occhio ai delusi Mertens, Callejon e Gabbiadini, possibili bombe innescate nello spogliatoio. Higuain, croce e delizia dell’anno scorso, chiamato a essere più feroce in varie occasioni ma anche al rinnovo, per adesso evitato, del contratto. La difesa appare, come sempre, il vero punto debole dei partenopei