IMPRESA QUASI IMPOSSIBILE CON TROPPI ASSENTI

Qualificazione morta e sepolta dopo 60 minuti. Poi una fiammella riaccesa grazie ai goal di Dybala e Sturaro. La Juve si preparava alla grande impresa ma poi è arrivata la mazzata terribile della tripla assenza per infortunio di Chiellini, Marchisio e Dybala. La spina dorsale bianconera. Ed ecco che un’impresa già maledettamente difficile diventa quasi impossibile. Sperare non costa nulla, crederci è francamente difficile. I ragazzi scenderanno in campo con grinta e voglia di farcela sapendo che espugnare l’Allianz Arena è impresa per pochi, per di più quando un talento purissimo come quello dell’argentino ti viene a mancare. E’ l’ora dunque di Mandzukic, che torna nella sua ex casa, e Morata, nel suo momento più difficile da quando è giunto a Torino. Eppure noi vedremmo bene anche la carta Zaza, esperto di partite “ignoranti” e ricche di foga agonistica. Dunque la Juve si gioca l’accesso ai quarti di finale, consapevole che l’aver buttato via il primo posto del girone le ha consegnato un avversario candidato alla vittoria finale. Tutti errori che solo con l’esperienza verranno evitati in futuro.